Diamo vita a iniziative e progetti per restituire

ai bambini un diritto fondamentale:

SORRIDERE

VUOI PARTECIPARE ANCHE TU?

DONA

sostieni anche tu i nostri progetti

tramite PayPal o IBAN bancario

5x1000

non ti costa nulla ma può fare tanto

Diventa Volontario

e partecipa a tutte le iniziative

Ospedale MAS Children

L’Ospedale che c’è, nel paese che non c’è.

Il Somaliland è una realtà anomala per il continente africano: si tratta di uno Stato pacifico, democratico e non avvelenato da lotte intestine. Eppure sulla carta non esiste: è uno Stato non riconosciuto dalla comunità internazionale e per questo motivo si è guadagnato l’etichetta di “paese che non c’è”. Questa condizione ci ostacola nel portare aiuto alla popolazione, in un contesto in cui qualsiasi ritardo o interruzione nella fornitura di aiuti diventa una questione di vita o di morte.

Non è tutto. Il paese è in fin di vita da diversi anni a causa di una siccità talmente devastante da far morire persino i cammelli: a Baligubadle ad esempio, non piove da tre anni. La moria del bestiame e la conseguente carestia ha causato 700.000 sfollati e 388.000 bambini malnutriti: la popolazione del Somaliland vive ai limiti della sopravvivenza.

Per questo abbiamo scelto di costruire il nostro Ospedale Pediatrico ad Hargheisa, Il MAS Children, per fornire cure gratuite a tutti i bambini del paese e non solo: sono moltissimi i genitori che attraversano le frontiere del Kenya e dell’Etiopia per portare i propri bimbi ammalati al MAS, che rappresenta la loro unica reale possibilità.

Il nostro Ospedale è un po’ come il Somaliland: un piccolo gioiello che brilla in un deserto di povertà e di cui siamo molto orgogliosi. Grazie al vostro sostegno di recente è nato anche il Polo Chirurgico, il “padiglione blu”, che ci consente di intervenire subito nei casi più urgenti.

Qui la maggior parte dei bimbi muore per malattie banali, facili da prevenire e da lungo tempo debellate nei Paesi Occidentali. Le condizione igieniche sono scarse, così come le risorse: su più di mille strutture sanitarie, quasi 300 sono inaccessibili o impraticabili.

I medicinali essenziali scarseggiano e, a causa della carestia, la malnutrizione la fa da padrone aggiudicandosi 1/3 delle morti.

Noi continuiamo a lavorare per realizzare il nostro sogno: un mondo nel quale tutti i bambini abbiano le stesse possibilità di poter guarire da patologie curabili e dove la lotta si fa per gioco, non per la vita. I nostri bambini hanno il diritto e la possibilità di curarsi e noi pensiamo che questo diritto non debba dipendere dal luogo di nascita.

La campagna Adotta un letto

Dal 2013 ad oggi i nostri 34 letti hanno ospitato più di 75.000 bimbi, ma c’è ancora molto da fare! Il nostro obiettivo è far crescere autonomamente l’ospedale e i suoi piccoli pazienti. Tu puoi aiutarci: è sufficiente una donazione di 10 euro per garantire un giorno di cure e un letto a un bambino.

Puoi scegliere tu per quanti giorni e quale letto far la differenza:
Apollo, Atena, Atlante, Aurora, Bacco, Cupido, Diana, Ecate, Eolo, Ercole, Ermes, Fortuna, Giove, Giunone, Iride, Luna, Marte, Mercurio, Minerva, Morfeo, Nettuno, Nike, Odino, Plutone, Poseidone, Prometeo, Rea, Saturno, Sole, Thor, Urano, Venere, Zefiro, Zeus.

La tua donazione ci permette di operare giorno dopo giorno, un bambino per volta. In questa sezione puoi fare un “giro” tra le corsie del nostro Ospedale e aggiornarti su quello che stiamo facendo grazie al tuo aiuto!

POSEIDONE

Abbiamo dato un nome a ogni letto, perché ognuno di loro ospita i sogni, le fantasie e le storie di ogni piccolo paziente che accoglie. Poseidone è il primo letto del MAS Children che, da febbraio 2019,  ha raggiunto un importante obiettivo: essere adottato per un anno intero!

Grazie alla generosità della signora Antonella Giò, 365 sogni custoditi in Poseidone, stanno diventando realtà!

Articoli che potrebbero interessarti

Clicca qui per aggiungere il proprio testo

Clicca qui per aggiungere il proprio testo

Clicca qui per aggiungere il proprio testo

Clicca qui per aggiungere il proprio testo